Risarcimento Danni Morali da Incidente Stradale a Torino: informazioni e consulenza su StudioLegaleRisarcimentoDanni.it degli avvocati Bombaci e Laganà

Se sei rimasto coinvolto in un incidente stradale per cui non hai colpa, hai diritto ad essere risarcito di tutti i danni subiti. In linea di principio, il nostro ordinamento prevede il risarcimento di due tipologie di danno: il danno patrimoniale e il danno non patrimoniale.

Il primo coincide con la lesione della sfera patrimoniale del danneggiato e, in quanto tale, è suscettibile di valutazione economica. Il danno non patrimoniale, di contro, va identificato con la lesione di un bene che mal si presta ad una stima economica, come, ad esempio, il bene “salute”.

Tale danno si presenta come una categoria unitaria, che racchiude al suo interno tre sottocategorie, vale a dire: il danno biologico; il danno morale e il danno esistenziale.

Ebbene, in questo articolo ci occuperemo di esaminare la sottocategoria del danno morale, e, più nello specifico, il danno morale conseguente ad un incidente stradale.

Cos’è il danno morale

Quando si parla di danno morale, ciò che si intende è il danno dovuto al turbamento psicologico o alla sofferenza d’animo che possono scaturire a seguito delle lesioni fisiche riportate in un sinistro. Il danno morale si distingue, quindi, dal danno patrimoniale, che consiste invece nella perdita di una somma di denaro imputabile a una altrui condotta antigiuridica (c.d. danno emergente) e nella conseguente mancata opportunità di usufruire di tale risorsa per produrne di nuove (c.d. lucro cessante).

Il danno morale si distingue, inoltre, anche dal danno biologico, pur trattandosi entrambi di danni non patrimoniali. Il danno biologico si può avere, infatti, esclusivamente a seguito di lesioni del diritto alla salute. Il concetto di danno morale, invece, è più ampio, potendo scaturire anche da lesioni della reputazione, della libertà sessuale o religiosa, della sfera privata. Tutto ciò è utile specificarlo in quanto si è recentemente espressa, a riguardo, la Corte di Cassazione, con una sentenza che è di grande interesse soprattutto per chiunque voglia informarsi sulla disciplina del risarcimento del danno morale per sinistro stradale.

La sentenza n. 90 del 17 gennaio 2018, ha chiarito una volta per tutte che il danno morale e il danno biologico possono essere risarciti senza che si riscontri alcuna duplicazione sanzionatoria. Trattandosi di due danni distinti, non possono che costituire due fatti risarcibili in via del tutto autonoma, se adeguatamente dimostrati secondo i principi dell’ordinamento in tema di prove. Ne consegue che si può chiedere il risarcimento per il danno morale anche se non spetta alcun risarcimento per il danno biologico.

Come si calcola il risarcimento del danno morale da incidente stradale

I danni non patrimoniali – quindi sia biologici sia morali – non corrispondono in nessun modo a uno svantaggio in termini monetari per la vittima. Ciò nonostante, risarcire un danno non patrimoniale consiste proprio nel versare una somma di denaro in favore del danneggiato. Ed è qui che si spiegano le tante difficoltà relative alle modalità di quantificazione della cifra esatta, non essendo disponibile alcun metodo scientifico certo a cui fare riferimento.

A questo proposito, si è soliti ricorrere alle tabelle predisposte dal Tribunale di Milano, ideate appositamente per ricollegare a ogni tipo di danno una somma risarcitoria ad esso adeguata sulla base di una serie di parametri quali la gravità della lesione e l’età della vittima al momento dell’incidente.

Se, però, tali tabelle possono essere utili ai fini del calcolo del danno biologico, le stesse non soccorrono avuto riguardo alla quantificazione del danno morale. Tale voce di danno, infatti, non può essere quantificata aprioristicamente, ma sarà necessario valutarne l’entità e l’ammontare del relativo risarcimento caso per caso.

È evidente, come tale attività non sia semplice ed immediata,  in quanto entrano in gioco numerose variabili che possono aumentare o diminuire l’ammontare del risarcimento.

È consigliabile, quindi, farsi assistere da un avvocato esperto in materia di risarcimento danni da incidente stradale, che abbia la capacità di individuare e provare l’entità della sofferenza e del turbamento del soggetto coinvolto nel sinistro, e di gestire al meglio la trattativa con la Compagnia Assicurativa o con la controparte.

Gli avvocati del nostro studio hanno una consolidata esperienza nell'assistenza alle vittime di incidenti stradali. Lo Studio adotta un approccio efficiente volto ad ottimizzare tempi e risultati. Ogni caso viene studiato e sviluppato attentamente, sia sotto il profilo legale, sia medico legale. Solo i casi con i presupposti per il risarcimento vengono accettati.

I vantaggi che avrai avvalendoti della nostra assistenza legale

  • Provvediamo gratuitamente e senza impegno ad esaminare la dinamica dell’incidente ed i referti medici, al fine di individuare il responsabile del sinistro e quantificare il risarcimento spettante.
  • Provvediamo a redigere ed inviare la lettera di richiesta danni all’assicurazione.
  • Ti assistiamo nella fase stragiudiziale delle trattative con la Compagnia Assicurativa e nell’eventuale fase giudiziale.
  • Non dovrai versare alcun anticipo di compenso in quanto sarà la Compagnia Assicurativa a pagare le spese legali.

L’assistenza è fornita in tutta Italia, puoi richiederla ovunque ti trovi, direttamente on line, compilando il form sottostante.

Hai bisogno di assistenza legale per un risarcimento?
Siamo pronti a fornirti un aiuto reale, senza impegno, per far valere i tuoi diritti.