Il calcolo del danno biologico, ad esempio per una cicatrice indelebile comparsa in occasione di un tamponamento a catena o di un episodio di malasanità, non è sicuramente semplice. Ciò non toglie che a qualsiasi danno subito debba corrispondere un indennizzo, come nel caso di un risarcimento danni incidente stradale o di un risarcimento da Intervento chirurgico sbagliato.

La Corte di Cassazione definisce tale tipologia di indennizzo come “non patrimoniale”, categoria che comprende danni morali, esistenziali, biologici, agli affetti e così via. I danni estetici appartengono perciò al suddetto gruppo di casi. Presso il Tribunale di Vicenza è stata fatta recentemente chiarezza in merito alla gestione di queste circostanze, in particolare con la sentenza n.481 del 20 febbraio 2018.

Il processo trattava la causa intentata da una donna contro un centro estetico, reo di averle causato delle lesioni permanenti all’inguine e alle gambe durante delle sedute di luce pulsata. Il giudice in quel caso stabilì che alla donna spettassero 12.433,00 euro + rimborso delle spese mediche sostenute.

Incidenti stradali, errori medici e indennizzi.

risarcimento danni cosa prevede la legge se si hanno solo punti di sutura

La casistica descritta riguarda anche i danni causati da uno scontro tra due o più auto, durante il quale schegge di vetro, lamiere o altri oggetti contundenti potrebbero provocare ferite all’occupante del mezzo, o da casi di malasanità. Le lacerazioni di dimensioni importanti, che necessitano di punti, rimangono spesso visibili, determinando perciò un danno permanente.

Posto il fatto che il risarcimento danni incidente stradale o di tipo sanitario sia a carico del responsabile o dei responsabili, quanto spetta al sinistrato/paziente? Dipende da vari fattori e proprio per questo è opportuno farsi assistere da esperti del settore, come i professionisti dello studio legale risarcimento danni dell’Avv.Alessio Bombaci, che sappiano valutare al meglio ogni aspetto della causa in corso. A tal proposito sono state realizzate delle tabelle che racchiudono tutti i parametri guida di cui tener conto durante le varie perizie medico-legali, al fine di valutare l’effettivo danno biologico subito dal soggetto.

Al livello di gravità del pregiudizio estetico corrisponde una certa percentuale relativa all’invalidità permanente, come ad esempio un pregiudizio lieve è pari al 5% invalidità, un pregiudizio lieve/moderato a un’invalidità del 6-9% e via dicendo.

Hai bisogno di assistenza legale per un risarcimento?
Siamo pronti a fornirti un aiuto reale, senza impegno, per far valere i tuoi diritti.