Risarcimento danni Investimento ciclista a Torino: informazioni e consulenza su StudioLegaleRisarcimentoDanni.it dell'avvocato Alessio Bombaci

L'eterna guerra tra ciclisti e automobilisti

Tra ciclisti e automobilisti è sempre esistita incomprensione e divergenze in merito al modo di condurre il mezzo in strada. L'estrema vulnerabilità di un ciclista, privo di una scocca protettiva dovrebbe consigliare prudenza per entrambe le categorie, ma soprattutto per chi da un’eventuale collisione avrebbe tutto da rimetterci, cioè chi va in bicicletta.

Nonostante questa saggia quanto evidente riflessione, sulle strade, anche statali a scorrimento veloce, spesso nugoli di ciclisti occupano intere carreggiate, in doppia, tripla fila e anche più. Questo comportamento, oltre ad istigare chi viaggia in un mezzo più veloce e idoneo alla strada, rappresenta un potenziale rischio per tutti i componenti del gruppo in bicicletta.

Per questi e tanti altri motivi, ogni giorno si verificano casi di investimento di ciclisti da parte di autoveicoli.

Non sempre il più debole è la vittima

Alla pari di un pedone, non è scontato che un ciclista abbia sempre e comunque ragione in caso di collisione, e non sempre ha diritto ad un risarcimento danni per investimento.

Molto spesso sussistono corresponsabilità e qualche volta un automobilista viene ritenuto completamente esente da colpe, così come può verificarsi il contrario.

Ad esempio: il procedere affiancati in numero superiore a due è espressamente vietato dall'articolo 182 del c.d.s, che prevede, inoltre, un utilizzo idoneo del mezzo biruote, di indossare giubbini catarifrangenti di notte, di esporre segnalazioni luminose adeguate; il ciclista è tenuto, inoltre, al rispetto della segnaletica orizzontale e verticale e ad applicare le semplici regole del buon senso, alla pari di automobilisti e centauri (artt. 182 c.d.s. e 2054 c.c.).

Inoltre, il comma 2 dell'art. 2054 recita: "Nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli."
Una recente sentenza del tribunale di Lucca (n. 2226/16) ha, per la prima volta, esteso l’applicazione del suddetto articolo di legge in una causa di risarcimento danni per incidente stradale tra un automobilista e un ciclista, stabilendo una presunzione di concorso di colpa, tra le parti, nella causazione del sinistro.

La constatazione di corresponsabilità prevede una riduzione del risarcimento dei danni da incidente stradale, il più delle volte in misura del 50%.

Nuove regole più dure per tutti

In caso di investimento ciclista, dovrà essere il conducente dell'auto a dichiarare l'accaduto alla propria assicurazione in via ordinaria, essendo la constatazione amichevole prevista esclusivamente per gli scontri tra due mezzi a motore.

In mancanza, può farlo lo stesso danneggiato rivolgendosi alla controparte e alla compagnia assicurativa del danneggiante, ma se fino ad oggi il ciclista, in quanto parte debole, ha sempre avuto diritto al 100% del risarcimento, le nuove tendenze prevedono che, in casi in cui la dinamica dei fatti e le rispettive condotte non siano del tutto chiare, la responsabilità venga divisa al 50% tra i conducenti dei mezzi, a prescindere dalla tipologia degli stessi.

Per ottenere un risarcimento totale, il danneggiato, o chi per esso in caso di lesioni permanenti o decesso, dovrà superare la presunzione di colpa (relativa). In caso di corresponsabilità, anche in caso di morte del ciclista, l'art. 1227 c.c. prevede che il risarcimento dei danni possa essere diminuito secondo la gravità della colpa del danneggiato, e, addirittura, negato con riferimento a quei danni che lo stesso danneggiato avrebbe potuto evitare, usando l’ordinaria diligenza.

Se la caduta è causata dal manto stradale

In caso di caduta del ciclista in seguito ad un manto stradale danneggiato (buche sulla strada), è necessario citare il comune responsabile del tratto di strada in questione.

Recentemente il Comune di Pineto è stato condannato dal Tribunale di Teramo al risarcimento di 14.259 € oltre a 3.000 € per spese legali, in conseguenza ad un incidente occorso ad un ciclista che era caduto in seguito ad una buca non segnalata.
Il fatto risale al 2012, i tempi della giustizia in Italia sono ancora troppo lunghi, ma un legale esperto potrà consigliare un assistito in merito all'opportunità di intentare causa, sulla base della dinamica dei fatti.

Procedura per richiedere il risarcimento del danno fisico da incidente stradale:

  1. Contatto con il cliente via mail o via telefono
    In questa prima fase il cliente espone brevemente il proprio caso e riceve gratuitamente una prima valutazione sommaria circa i presupposti di risarcibilità.

  2. Sottoscrizione del modulo privacy
    È fondamentale per poter accedere alle informazioni private dei clienti e visionare i loro referti medici. La sottoscrizione di questo documento non comporta alcun impegno per il cliente.

  3. Invio documentazione clinica e cronistoria allo Studio Legale Risarcimento Danni
    Affinché possa essere espresso un parere esaustivo è necessario avere un racconto dettagliato della dinamica dell’incidente, con indicazione degli eventuali testimoni presenti e/o delle Autorità intervenute. Tutte queste informazioni, di solito, sono contenute nel modulo di constatazione amichevole (CAI) eventualmente sottoscritto.

    È necessario, altresì, visionare i referti medici rilasciati al cliente.

  4. Redazione e invio diffida di messa in mora alla Compagnia Assicurativa
    Il primo atto posto in essere dallo Studio sarà la diffida, che avrà lo scopo di mettere in mora la controparte e/o la Compagnia Assicurativa, interrompendo i termini di prescrizione.

  5. Eventuale acquisizione di un parere medico legale di parte
    Consigliamo sempre ai nostri assistiti di sottoporsi ad una visita medico legale di parte per ottenere una valutazione reale del danno.
  6. La relazione che sarà rilasciata dal medico legale di parte, risulterà molto utile in sede di trattativa con il liquidatore della Compagnia assicurativa per la proposta di risarcimento. Previo accordo con il cliente, verrà conferito incarico ad un medico legale che fornirà un parere sulla entità del danno biologico temporaneo e permanente.

    Il nostro Studio collabora con diversi medici convenzionati, ai quali sarà possibile rivolgersi.

  7. Invio documentazione medica alla Compagnia e convocazione a visita medico legale
    Una volta in possesso di tutta la documentazione medica del cliente attestante la sua avvenuta guarigione, lo Studio provvederà ad inviare il tutto alla Compagnia, che convocherà il danneggiato presso un proprio medico legale fiduciario.

  8. Definizione transattiva o causa
    A seguito della suddetta visita medico legale, la Compagnia provvederà a formulare un’offerta risarcitoria che, se ritenuta congrua, potrà essere accettata a completa definizione dell’incidente.  Nell’ipotesi in cui non si giunga ad un accordo transattivo, previo accordo con il cliente, si procederà ad avviare con la Compagnia un procedimento di negoziazione assistita e, in ultimo, ad instaurare l’eventuale giudizio innanzi alla competente Autorità Giudiziaria.

  9. Pagamento del risarcimento
    Raggiunto l’accordo transattivo, l’assicurazione provvederà tempestivamente ad effettuare il pagamento di quanto dovuto al nostro assistito (parte che ha subìto il danno o, se defunta, i suoi eredi), comprese le spese legali.

Si precisa che la gestione dell’iter stragiudiziale del risarcimento è totalmente gratuita, in quanto sarà la Compagnia Assicurativa a pagare per intero le spese legali.

Hai bisogno di assistenza legale per un risarcimento?
Siamo pronti a fornirti un aiuto reale, senza impegno, per far valere i tuoi diritti.