Risarcimento Danni per Caduta a Torino: informazioni e consulenza su StudioLegaleRisarcimentoDanni.it dell'avvocato Alessio Bombaci

In materia di infortuni spesso il danneggiato ha diritto a ricevere, dal presunto responsabile, un risarcimento danni se sussistono determinati requisiti. Per esempio si potrebbe essere risarciti a seguito di una caduta causata da una buca sul manto stradale o sul marciapiede, oppure per una caduta in autobus a causata da una frenata o dal pavimento bagnato.

In ogni caso, per ottenere il risarcimento è indispensabile analizzare, con il supporto di un esperto legale, il caso singolo e che che sussistono gli elementi che non esonerato la responsabilità di terzi. Vediamo alcune fattispecie che potrebbero far insorgere la possibilità di richiedere un risarcimento danni a seguito di avvenimenti lesivi e dannosi.

Richiesta risarcimento danni al comune per caduta

L'art. 2051 del Codice Civile stabilisce che, ognuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito.
Considerando che una caduta avvenuta per strada o in altro luogo pubblico per motivi non imputabili a noi stessi ma per mancata cura e manutenzione del manto stradale o di qualsiasi parte la cui titolarità della custodia è affidata all'amministrazione Comunale, secondo l'articolo sopra citato è possibile richiedere il risarcimento danni con apposita lettera indirizzata all'Ente in questione.

Per ottenere il risarcimento danni è necessario che si verifichino delle precise condizioni come la mancata prevedibilità del pericolo, oppure danno sia stato causato dal bene in custodia all'ente e che il danneggiato non ha potuto evitare il danno.
Spesso, nel caso di cadute per dissesto del manto stradale o del marciapiede, il comune potrebbe essere tenuto al risarcimento del danno anche se non era a conoscenza dell'insidia.

Risarcimento danni caduta sul marciapiede

Anche le cadute avvenute su un marciapiede possono essere oggetto di risarcimento danni da corrispondere alla parte lesa da chi è titolare della custodia del bene. Anche in questo caso la valutazione va effettuata caso per caso potendosi verificare situazioni che escludono, totalmente o in parte, il custode del bene dalla responsabilità dell'evento lesivo.

Un esempio è la sentenza n. 22887 del 2012 emanata dal tribunale di Roma a seguito di una richiesta al Comune di Roma per risarcimento danni a seguito di una caduta di un cittadino, causata dalla fuoriuscita di radici di un albero posto su un marciapiede.

Con tale sentenza il giudice ha ravvisato un concorso di colpa al 50% tra l'Ente e il cittadino, poiché pur riscontrando la titolarità della custodia del bene da parte dell'Amministrazione, il cittadino poteva evitare il pericolo.

Richiesta risarcimento danni caduta in autobus

Nel caso di caduta in autobus la responsabilità del danno potrebbe essere imputabile al conducente o vettore se quest'ultimo non dimostra che al verificarsi dell'eveto dannoso non ha adottato tutte le misure idonee ad evitare il l'insorgere dell'evento lesivo.

A riguardo l'art. 1681 codice civile stabilisce che: - Salva la responsabilità per il ritardo e per l'inadempimento nell'esecuzione del trasporto, il vettore risponde dei sinistri che colpiscono la persona del viaggiatore durante il viaggio e della perdita o dell'avaria delle cose che il viaggiatore porta con sé, se non prova di avere adottato tutte le misure idonee a evitare il danno. Sono nulle le clausole che limitano la responsabilità del vettore per i sinistri che colpiscono il viaggiatore. Le norme di questo articolo si osservano anche nei contratti di trasporto gratuito.

In sostanza il passeggero può chiedere il risarcimento del danno se a contribuire all'evento lesivo è stata l'inosservaza, da parte del conducente o vettore, di norme in merito alla sicurezza. Un esempio potrebbe essere la caduta causata dal pavimento umido associato alla mancanza di accorgimenti antiscivolo del mezzo pubblico, oppure l'inadeguatezza dei gradini o della passerella di salita e discesa dei passeggeri.

Risarcimento danni per caduta causata dal pavimento bagnato

Anche per la fattispecie di cadute causate su pavimenti o scale bagnate, in alcuni casi, è possibile richiedere il risarcimento del danno al presunto responsabile. La richiesta del risarcimento del danno causato dalla caduta avvenuta su pavimento o scale bagnate, in luogo pubblico o privato, può essere avanzata se tale situazione di pericolo non era stata preventivamente segnalata con opportuni mezzi precauzionali e quando è possibile accertare che la responsabilità dell'accaduto non è imputabile ad atteggiamenti assunti dalla parte lesa.

Hai bisogno di assistenza legale per un risarcimento?
Siamo pronti a fornirti un aiuto reale, senza impegno, per far valere i tuoi diritti.