Risarcimento danni per Caduta da Autobus a Torino: informazioni e consulenza su StudioLegaleRisarcimentoDanni.it degli avvocati Bombaci e Laganà

Il trasporto locale spesso non riesce a garantire un numero adeguato di corse per tutti gli utenti, con il risultato che, durante la giornata, molti autobus risultano gravemente affollati, con notevole disagio per chi si serve di questi mezzi.
Tale sovraffollamento può anche essere causa di incidenti, in quanto basta una brusca frenata perché un passeggero possa cadere rovinosamente a terra oppure colpire involontariamente un altro e possa, di conseguenza, richiedere il risarcimento dei danni da infortunio subìto.

Ricordarsi sempre il biglietto o l’abbonamento

Il trasporto pubblico viene attuato mediante una forma di contratto che si conclude con l’acquisto del biglietto o dell’abbonamento da parte dell’utente, motivo per cui una eventuale caduta dall’autobus instaura una precisa responsabilità in capo all’azienda di trasporti, che dovrà dimostrare di aver fatto tutto il possibile perché l’evento non si verificasse. Per questo è sempre importante conservare con cura il titolo di viaggio, anche successivamente all’accertamento del sinistro. Appare necessario rappresentare che l’assistenza di un legale esperto sia fondamentale sin da subito, al fine di fornire il supporto tecnico giuridico idoneo ad ottenere il risarcimento sperato.

Come tutelarsi in caso di sinistro

Qualora si rimanga coinvolti in un infortunio a bordo di un autobus, sarà sempre opportuno richiedere che il fatto venga segnalato all’autista. Tutte le aziende di trasporto hanno implementato delle vere e proprie centrali operative, che coordinano tutte le attività proiettate sul territorio. Pertanto, sarà compito del dipendente attivare la corretta procedura ed istruire i passeggeri su come comportarsi. In ogni caso tutti sono obbligati a prestare soccorso a chiunque si dichiari infortunato e a richiedere l'intervento di un'ambulanza e delle Forze dell'Ordine, qualora la gravità del caso lo richieda e al fine di constatare la dinamica del sinistro. Le eventuali lesioni riportate andranno poi documentate con appositi referti, redatti dal Pronto Soccorso e dai medici curanti.

È, inoltre, sempre opportuno richiedere ai presenti se sono disposti a testimoniare in merito a quanto accaduto, ed in caso affermativo è necessario farsi rilasciare almeno il nominativo ed un numero di telefono al quale contattarli successivamente. Non sempre sarà necessario ricorrere all’ausilio di terzi per far valere le proprie ragioni, ma per buona pratica è sempre consigliabile avere contezza del fatto che altri si sono resi conto di quanto accaduto.

Alcune sentenze sui risarcimenti

Di recente, la Cassazione ha stabilito che anche i danni derivanti da operazioni preparatorie ed accessorie sia durante il tragitto, sia durante la sosta, sono da considerarsi come avvenuti durante il trasporto e, per questo motivo, ha ritenuto il vettore responsabile anche dei danni subìti dal passeggero durante la fase di salita o di discesa dal mezzo di trasporto, in quanto si tratta di manovre coessenziali all'esecuzione del contratto di trasporti della persona (Cass. 681/2016).

Per quanto riguarda, invece, la caduta in autobus durante il tragitto, si sono riscontrati diversi casi, in giurisprudenza, in cui il passeggero sia stato risarcito a seguito delle lesioni procurate dalla caduta: ne è un esempio un caso del 2016, in cui il Tribunale di Lecce ha riconosciuto, a titolo di risarcimento danni, la somma di 51 mila euro a favore di un uomo che è caduto a causa di una brusca frenata mentre stava obliterando il biglietto. Un importo di tale entità è stato raggiunto solo grazie ad una qualificata ed accurata assistenza legale, che ha garantito il giusto ristoro del danno a fronte di un danno fisico gravemente invalidante.

Hai bisogno di assistenza legale per un risarcimento?
Siamo pronti a fornirti un aiuto reale, senza impegno, per far valere i tuoi diritti.